Ricordarsi di me Password dimenticata? ?
 Posizione : Home > Clinique du Poids site > Salute e Benessere > Osteoporosi e alimentazione
Il metodo LeDiet
Calcola il tuo BMI
Dossier Nutrizione
Le mie domande - le vostre risposte
Enciclopedia nutrizionale
Ricette per la linea
Frutta e verdura
di stagione
Calcolo la mia
attivita fisica
Osteoporosi e alimentazione
L'osteoporosi è una malattia dello scheletro, caratterizzata da una diminuzione della densità ossea e da alterazioni della trama del tessuto osseo che rischia maggiormente di fratturarsi.

Prevenire è meglio che curare

Il capitale osseo si forma durante i primi 20 anni di vita.
L'adolescenza, in particolare, rappresenta un periodo chiave per la formazione di tale capitale. È il periodo di maggiore crescita ossea e sviluppo dello scheletro. A quest'età, infatti, la massa ossea raggiunge uno stadio di densità ottimale, a condizione che gli apporti alimentari di calcio siano stati sufficienti. In caso contrario, la crescita avviene normalmente, ma le ossa sono più fragili.
Durante l'adolescenza, la massa ossea aumenta proporzionalmente al consumo di calcio.

Tuttavia, fino a 35 anni, lo scheletro si rinforza e, in alcuni casi, può ricostituire una parte del capitale osseo, a patto di praticare uno sport e aumentare considerevolmente l'apporto di calcio.

Dopo i 35 anni, la massa ossea diminuisce progressivamente. La perdita si accentua nella menopausa e rischia di sfociare nell'osteoporosi, tanto più se la massa ossea iniziale è poco densa. Per limitare i danni, è importante quindi continuare a consumare molto calcio.

Tuttavia, se si riscontra un'osteoporosi, una cura adeguata, soprattutto a base di calcio e vitamina D, può permettere in certi casi di ricostituire fino all'8% della massa ossea.

>> Torna al tema "Salute e Benessere"