Ricordarsi di me Password dimenticata? ?
 Posizione : Home > Clinique du Poids site > Alimenti > Facciamo il punto sull' aspartame: pericoloso oppure no?
Il metodo LeDiet
Calcola il tuo BMI
Dossier Nutrizione
Le mie domande - le vostre risposte
Enciclopedia nutrizionale
Ricette per la linea
Frutta e verdura
di stagione
Calcolo la mia
attivita fisica
Facciamo il punto sull' aspartame: pericoloso oppure no?
L’aspartame è il dolcificante più utilizzato al mondo, ed è presente in circa 6000 prodotti in commercio. Tuttavia, non ha vita facile e subisce duri attacchi secondo i quali sarebbe all'origine di tumori al cervello, altre patologie tumorali, sclerosi a placche, aborti, disturbi mentali e la lista è ancora lunga.

Ma queste accuse sono fondate? Bisogna veramente eliminare l'aspartame dalla nostra alimentazione e quindi tutti i prodotti che lo contengono?

Cos'è l'aspartame?

Si tratta di un dolcificante artificiale, derivato da aminoacidi naturali, scoperto nel 1965. Ha un potere dolcificante 200 volte superiore a quello del saccarosio. Sin dal suo lancio sul mercato, è stato oggetto di dispute e controversie, ma è stato "assolto" una prima volta nel 1974 dalla Food and Drug Administration, l'agenzia americana per la sicurezza alimentare e dei farmaci,. Da allora, è comunque all'origine di polemiche e ha dato adito a studi più o meno seri che mettono in dubbio la sua innocuità.

La maggior parte degli attacchi subiti sono infondati e non sono mai stati avallati da studi. Alcuni accusatori si basano, tuttavia, su studi seri, seminando zizzania in seno alla comunità scientifica.

Tra gli studi recenti che incriminano l'aspartame, i due principali sono:

- lo studio Halldorsson, pubblicato a fine 2010 nell'American journal of clinical nutrition', il quale imputa le nascite premature al consumo di aspartame, contenuto essenzialmente nelle bibite "senza zucchero";

- lo studio Soffritti, pubblicato nell'American Journal of industrial medicine' e realizzato su cavie di topi maschi, il quale incrimina l'aspartame responsabile della comparsa di tumori, a livello del fegato e dei polmoni.

>> Torna al tema "Alimenti"